Sfondo

Indice

VAI AL BLOG

Fai clic sulle foto per ingrandirle

Partenza da Aich  Il treno per Malles   Il rio Trafoi  Trafoi  Si fa dura!  Sul passo  Pronto per la discesa  S.Maria im M.  Glorenza

Fai clic sulle foto per ingrandirle

Il tratto finale
 

Il Passo dello Stelvio

Percorso: Aich Merano - In treno fino a Spondigna - Trafoi Passo dello Stelvio (m.2758) St.Maria in Monastero Glorenza Spondigna - In treno fino a Merano - Aich

Km: 76

Dislivello totale: m. 2040

Dislivello da Spondigna al Passo dello Stelvio: m.1871

Pendenza massima: 13%

Data dell'escursione: 10 giugno 2005

Partecipanti: Max

 

Partenza da Aich in una veloce discesa verso la stazione di Merano. Qui prendo il nuovisssimo treno sulla ricostruita ferrovia che risale l'Adige lungo la val Venosta.
A Spondigna in sella e si risale il rio Trafoi; a Ponte allo Stelvio (m.1125) inizia la salita e dopo quattro chilometri si incontra il cartello del primo dei 48 tornanti.
A Trafoi (m.1533), con sullo sfondo le cime dell'Ortles, la vista, anche grazie alla bella giornata, è stupenda.
La strada sale senza tregua e, a sette chilometri dalla cima, all'altezza dell'Hotel Sottostelvio, si scorge il passo ed anche tutto il tracciato stradale fino alla vetta; la visione è impressionante, ma tornante dopo tornante emergono energie nascoste e si giunge alla meta (m.2758).
Nonostante il sole, forse anche a causa del vento, fa freddo (+1C.) ma una buona minestra di fagioli e una fetta di strudel preparano, dopo un'accurata vestizione a 'cipolla', alla discesa.
Si scende sul versante che porta a Bormio e al bivio si gira a destra, superando il confine svizzero; dopo una salitella si arriva al Giogo di S.Maria (Umbrail pass) e quindi grazie anche all'ottimo fondo si scende velocemente attraversando il parco nazionale svizzero (un tratto del percorso è sterrato ma compatto e liscio).
In val Monastero si attraversano caratteristici paesini svizzeri come S.Maria im Munstertale poi, oltrepassato il confine, si giunge a Glorenza, affascinante cittadina mediovale con i suoi edifici storici, i portici, le chiese e i cammini di ronda.
Ancora pochi chilometri per Spondigna, dove si riprende il treno per Merano; da qui la risalita ad Aich conclude una giornata faticosa ma decisamente appagante.